LIBERTA’

Giovedì 19 luglio 2018
Piacenza 13 luglio
Il fashion fai-da-te di Maria Francesca, 28 anni, stilista 2.0

La giovane ha frequentato il Polimoda Fashion Institute: le mie colleghe vanno all’estero, io ho voluto puntare su Piacenza
Se la montagna non viene a Maometto, Maometto va alla montagna. Nel suo caso, la giovane stilista piacentina Maria Francesca Milani – che si è trovata ad amare la moda in un momento generale di crisi, «in cui le aziende del settore investono poco sullo sviluppo degli abiti» – ha iniziato a disegnare, confezionare e vendere autonomamente le proprie creazioni. «Amo vedere un mio capo indossato da un’altra donna, sapendo che la fa sentire a suo agio. Quando ho assistito per la prima volta a una modella con un mio abito, mi sono commossa. È come se fosse un figlio in tessuto, col quale stringo un rapporto intimo e affettivo». Dopo essersi diplomata al liceo Artistico Cassinari, la 28enne è partita alla volta di Firenze per frequentare il pregiato Polimoda Fashion Institute con una valigia piena di passione e perseveranza. Ha avuto l’opportunità di lavorare come stagista per il noto stilista Flavio Castellani, oltre che coi marchi Tod’s, Valentino e Gucci, arrivando all’apertura della sua etichetta personale “MFM”.

A un certo punto, però, ha compiuto una scelta di cuore: «Tutte le mie coetanee hanno cercato di affermarsi all’estero, io invece ho voluto far ritorno al punto di partenza: Piacenza, la mia città. Forse è stato un passo azzardato, ma ritengo assurdo andare a Londra o Parigi abbandonando il “made in Italy”», racconta Maria Francesca, che realizza e promuove i propri cataloghi, li spe-disce via mail ai canali di vendita («a volte parto in treno e li consegno direttamente nelle boutique») e propone i suoi vestiti ai negozi. «Il contatto diretto tra stilista e negoziante è proprio ciò che si è perso nel tempo. I confezionisti a cui faccio affidamento lavorano a Firenze. Mi reco in Toscana per trasformare la mia ispirazione in realtà, vigilando sulla qualità dei tessuti, sulle zip, sulle cuciture e sugli altri detta-gli in maniera maniacale. Uso solo fibre naturali, non ricorro a tessuti sintetici o in poliestere. Preferisco ideare prodotti di nicchia, ciò che manca nei grandi brand e nel “fast fashion” presente anche in centro storico a Piacenza». Un’altra componente della sua attività che presto potrebbe diventare quella principale è il web, dove si presenta così : “Immergo la mia anima nei colori e attraverso la tecnica e la mia creatività ne valorizzo l’estetica’: «Ho avviato un sito internet commerciale per rispondere alla richiesta di alcuni clienti esteri. Oggi noi giovani abbiamo la grande difficoltà di trovare aziende disposte a supportarci nella fase di creazione dell’abito. È complicato essere presi in considerazione. Chissà, lo strumento virtuale potrebbe essere il futuro». Il suo stile è raffinato ed elegante, ma a Piacenza non ha ancora trovato vita facile: «La clientela qui è un po’ particolare, con una mentalità poco aperta: credo che sia diffidente nei confronti dei marchi emergenti. A Roma, Firenze o Rimini è più facile», ammette Maria Francesca Il suo sogno è quello di «inaugurare un laboratorio in città condiviso da più donne che amano quello che fanno, all’insegna dell’imprenditoria femminile. Uno spazio in cui far convogliare la moda nel mio territorio, creando qualcosa di grande. Sarebbe un’iniziativa rischiosa, ma in futuro voglio provarci».

La stilista piacentina Maria Francesca Milani indossa alcune delle sue creazioni